> <

Bilanciamo il futuro

Durata totale del progetto: 1 agosto 2010 – 31 luglio 2011

Home > Lavori > Bilanciamo il futuro

Bilanciamo il futuro

Bilanciamo il futuro

60 giorni in trasferta, 25000 km in tutta Italia, 21 assemblee pubbliche, oltre 3000 persone e numerosi istituti scolastici coinvolti. Questi i numeri del progetto BILanciamo il futuro, ideato dall’Unione delle Pro Loco e finanziato dal Ministero delle Politiche Sociali. Con la partecipazione dell’ISTAT ed il patrocinio della Commissione nazionale italiana per l’UNESCO.
L’Unione delle Pro Loco ormai da anni sta portando avanti progetti sociali che coniugano la salvaguardia delle tradizioni culturali locali, il rilancio sostenibile di piccole comunità e la qualità della vita, come può sottolineare anche il patrocinio della CNI UNESCO.


L’Unione delle Pro Loco ormai da anni sta portando avanti progetti sociali che coniugano la salvaguardia delle tradizioni culturali locali, il rilancio sostenibile di piccole comunità e la qualità della vita, come può sottolineare anche il patrocinio della CNI UNESCO. Il progetto “BILanciamo il futuro” (dove l’acronimo BIL sta per Benessere Interno Lordo, usato in contrapposizione al PIL) ha voluto coinvolgere amministratori e cittadini di 21 località di ogni regione d’Italia nella riflessione sui temi di un nuovo modo di intendere la ricchezza di un Paese non più concentrata solo sulla produzione ed il lavoro ma che tenga conto anche di temi come l’inclusione sociale, l’integrazione, la tolleranza, il rispetto degli altri e dell’ambiente.


Il progetto ha preso il via alla pubblicazione dei risultati del Rapporto della Commissione Stiglitz, presentata dal premier francese Sarkozy il 14 settembre 2009, che individua un set di indicatori a più dimensioni da affiancare al PIL: Condizioni Materiali; Salute; Educazione; Lavoro e Tempo Libero; Partecipazione Politica; Relazioni Interpersonali; Ambiente; Insicurezza. Indicatori necessari per una rappresentazione più precisa della complessità della nostra società.

Partendo da questi spunti è stato redatto un questionario, in collaborazione con il Presidente ISTAT, diffuso tra i destinatari del progetto i cui risultati sono allegati alla pubblicazione finale del progetto.


OBIETTIVI:

• Promuovere la conoscenza e la diffusione delle tematiche di questo nuovo modo di intendere la ricchezza di un Paese che tenga conto anche di temi come l’inclusione sociale, l’integrazione, la tolleranza, il rispetto degli altri e dell’ambiente.

• Monitorare il benessere sociale delle comunità attraverso incontri e la distribuzione di un questionario redatto in collaborazione con il Presidente ISTAT, Enrico Giovannini.


• Continuare la raccolta e l’archiviazione del patrimonio culturale immateriale.

• Valorizzazione del territorio attraverso una pubblicazione realizzata in collaborazione con le comunità locali.

• Coinvolgimento delle scuole (elementari e/o medie) in ogni località con la creazione di una classe laboratorio.